Acqua in bottiglia o acqua del rubinetto? Qual è la migliore?

Bere l’acqua in bottiglia fa bene? Ed è migliore l’acqua in bottiglia o quella del rubinetto?

Questi interrogativi coinvolgono e interessano milioni di persone, desiderose di risparmiare cifre anche molto significative per l’acquisto delle bottiglie di acqua naturale o frizzante.

acqua in bottiglia o acqua rubinettoSpesso non beviamo l’acqua del rubinetto perché la riteniamo poco sicura o, addirittura, pericolosa.

In realtà numerose ricerche hanno dimostrato che il grado di sicurezza offerto dall’acqua in bottiglia è decisamente inferiore rispetto a quello garantito dall’acqua del rubinetto.

Proprio negli ultimi giorni è esploso lo scandalo delle microplastiche rinvenute nell’acqua in bottiglia: insomma, di solito siamo portati a ritenere che l’acqua in bottiglia sia ben controllata, pulita, limpida e pura, ma le cose non stanno proprio così.

Un’organizzazione di giornalisti non profit, Orb Media, ha realizzato un’indagine prendendo in esame più di 250 bottiglie d’acqua di nove Paesi differenti con il supporto della Fredonia State University of New York.

Ebbene, i risultati dell’inchiesta sono, per molti aspetti, preoccupanti, dal momento che in ogni litro di acqua sono state trovate in media dieci particelle di plastica con diametro paragonabile o addirittura superiore a quello di un capello umano.

Inoltre, non sono state riscontrate differenze significative tra una marca e l’altra: il che vuol dire che il problema è comune e riguarda chiunque.

I marchi che sono stati messi sotto esame sono San Pellegrino, che conosciamo bene in Italia, Nestlè Pure Life, Wahaha, Aquafina, Minalba, Gerolsteiner, Epura, Bisleri, Aqua, Evian e Dasani. Il laboratorio di Sherri Mason, che è stato scelto per l’esecuzione delle indagini, già in passato si era occupato di verificare la presenza di microplastiche in vari alimenti.

campioni di acqua hanno messo in evidenza la presenza di plastiche di vario tipo: le microparticelle sono risultate più grandi di 100 micron, misura che corrisponde al diametro di un capello.

Insomma, l’acqua in bottiglia non è così sicura come siamo sempre stati portati a credere: molto meglio affidarsi a quella del rubinetto.

Attenzione, però, perché anche in questo caso ci possono essere degli inconvenienti: a volte, per esempio, l’acqua del lavello della cucina ha un odore di cloro molto forte e di certo non si dimostra invitante.

depuratori acquaIn tal caso, una soluzione c’è, ed è rappresentata da un depuratore per l’acqua domestica: si tratta di un apparecchio che viene installato sopra o sotto al lavello e che elimina tutti gli agenti contaminanti presenti nell’acqua del rubinetto.

Per di più, con questo dispositivo si può bere anche acqua frizzante, gasata con l’anidride carbonica a uso alimentare, o acqua fredda, la cui temperatura viene abbassata da un refrigeratore apposito.

vantaggi che derivano dall’impiego di un depuratore sono tanti, soprattutto in considerazione delle numerose controindicazioni legate all’acqua in bottiglia: finalmente si può dire addio una volta per tutte alla fatica che bisogna affrontare per portare le confezioni d’acqua acquistare al supermercato fino a casa.

Inoltre, l’acqua che proviene dal rubinetto, e che viene filtrata con un depuratore, è di altissima qualità: infatti i filtri agiscono non solo nei confronti del cloro, ma anche dei batteri, dei microrganismi pericolosi e dei metalli pesanti.

Anche chi vive in zone in cui le falde sono inquinate, dunque, può iniziare a bere l’acqua del rubinetto dopo aver installato un depuratore ad hoc, sia che esso sia stato acquistato, sia che esso sia stato preso a noleggio.

Così, l’acqua in bottiglia – con i relativi costi da sostenere per il suo acquisto – diventa solo un ricordo lontano, così come i rischi connessi all’ingestione delle microplastiche.

Stai valutando l’acquisto di un depuratore d’acqua per bere l’acqua del rubinetto?

preventivi depuratori acqua

I depuratori d’acqua più acquistati su amazon

FILTRO ACQUA RUBINETTO

KIT MICROFILTRAZIONE

KIT OSMOSI INVERSA