Addolcitori acqua domestici

addolcitori acqua domesticiLa durezza dell’acqua è il nemico numero uno di rubinetti, lavatrici, lavandini, impianti sanitari, caldaie, ecc.

Un’acqua eccessivamente dura a lungo andare può trasformarsi in acqua calcarea, che goccia dopo goccia genera incrostazioni che danneggiano i tuoi elettrodomestici.

Senza un addolcitore è più facile subire danni a tubazioni, caldaieboilers, elettrodomestici, lavastoviglie, box doccia, sanitari, rubinetterie che possono rompersi o istruirsi, oppure vedere aumentare ingiustificatamente bollette di gas, luce e acqua.

L’addolcitore è un ottimo modo per non spendere soldi in prodotti anticalcare, in chiamate all’idraulico, nella sostituzione precoce di elettrodomestici che si rompono.

Modello W2B 200

Adatto per 2 – 4 persone

Modello W2B 500

Adatto per 4 – 7 persone

Modello W2B 800

Adatto per 7 – 10 persone

Perché installare un addolcitore d’acqua in casa? I vantaggi

Se continui ad avere problemi di calcare in casa la soluzione ideale è di installare un addolcitore di acqua domestico.

Partiamo da una premessa: un addolcitore non rende l’acqua potabile, la rende semplicemente meno dura. L’acqua che scorre dal rubinetto infatti è già potabile, ecco i vantaggi di un addolcitore:

  • TUBATURE LIBERE DAL CALCARE. Le tubature non vengono ostruite dal calcare, quindi l’acqua defluisce in maniera scorrevole senza particolari problemi collegati alla pressione. In questo modo non si verificheranno più incrostazioni delle tubature, delle guarnizioni e delle filettature della rubinetteria;
  • LUNGA VITA ALLA CALDAIA. L’acqua addolcita assicura il corretto funzionamento della caldaia, che con un’acqua eccessivamente dura rischia di andare in blocco o comunque di non funzionare in maniera ottimale; l’utilizzo di acqua dolce quindi garantisce l’erogazione dell’acqua calda;
  • SANITARI SENZA INCROSTRAZIONI. l’acqua dura nel corso degli anni rischia di ingiallire le porcellane ed i sanitari del bagno; l’addolcitore invece mantiene puliti i sanitari e le porcellane, garantendo l’erogazione di acqua dolce;
  • ELETTRODOMESTICI CHE FUNZIONANO. Viene garantita una maggiore tutela di tutti gli elettrodomestici in generale, dalla lavatrice allo scaldabagno, dalla lavastoviglie agli umidificatori, dai ferri da stiro ai diffusori, ecc.;
  • CAPELLI E PELLE PIU’ MORBIDI. L’acqua dolce rende i capelli morbidi, più pettinabili e meno crespi; allo stesso moda la tua pelle, lavata con acqua dolce, risulterà più liscia ed elastica.
  • RISPARMIO SULLE BOLLETTE DEL 20%.

Come funziona un addolcitore di acqua domestico?

schema funzionamento addolcitore acquaL’addolcitore di acqua domestico è una sorta di contenitore riempito con delle resine, attraverso cui passa l’acqua dura e calcarea che deve essere addolcita.

Le resine scambiano gli ioni calcio e magnesio (che provocano calcare) con gli ioni di sodio (non incrostranti).

Quando le resine sono sature e non riescono più ad assorbire il calcio, devono essere rigenerate con il sale del salinatore, un recipiente che si trova accanto alla bombola.

L’addolcitore quindi aspira la salamoia (acqua e sale misti) dal salinatore e va a pulire (rigenerare) le resine sature di carbonati.

Sul mercato esistono vari modelli di addolcitori, che possono variare per grandezza, per metodo di funzionamento e per capacità di addolcire. I modelli più diffusi ed utilizzati sono caratterizzati da un’apertura, dove bisogna aggiungere del sale che si deposita direttamente sulle resine.

Maggiore è la quantità di acqua da trattare, più grande dovrà essere il contenitore e la quantità di resina al suo interno.

Indicativamente ci sono addolcitori da:

  • 6 litri (adatto per 1 – 2 persone)
  • 12 litri (adatto per 3 – 4 persone)
  • 15 litri (adatto per 4 – 5 persone)
  • 20 litri (adatto per 6 – 7 persone)

Quale sale aggiungere nell’addolcitore?

Puoi usare il comune sale da cucina, oppure sale marino, salgemma, sale di ebollizione in diverse granulometrie e in diversi formati, sale in granuli e sale in pastiglia, l’importante è che sia sale ad uso alimentare.

In linea di massima il sale più indicato è quello in pastiglie, poiché dura di più ed ha una resa migliore.

sale per addolcitoreIn genere non risulta dannoso mescolare i sali, ma alcuni addolcitori di acqua sono progettati per funzionare con determinati prodotti di addolcimento.

In questi casi ti sconsiglio di mescolare i sali o di utilizzare prodotti alternativi rispetto a quelli indicati dal manuale, poiché rischieresti di compromettere il buon funzionamento del dispositivo.

Il sale va solitamente aggiunto al serbatoio durante la fase di rigenerazione dell’addolcitore. Più spesso un addolcitore si rigenera, e di conseguenza più spesso bisogna aggiungere il sale.

Ti consiglio di controllare lo stato di salute del tuo addolcitore almeno una volta al mese, e per assicurarti una buona produzione di acqua dolce ti suggerisco di mantenere il serbatoio del sale pieno almeno per metà.

Dove si installa l’addolcitore?

L’addolcitore si installa a monte dell’impianto idraulico, prima degli elettrodomestici e della caldaia, in una posizione in cui deve essere presente: l’ingresso dell’acqua, una presa elettrica e lo scarico per l’acqua.

Esistono sul mercato anche addolcitori che si installano facilmente sotto il lavello della cucina.

Manutenzione degli addolcitori

manutenzione addolcitoriL’addolcitore è un dispositivo piuttosto sofisticato da un punto di vista tecnologico, di conseguenza ha bisogno di una manutenzione periodica per garantire un corretto funzionamento.

La manutenzione ordinaria richiede l’aggiunta di pellet di sale nel serbatoio, operazione che dovrebbe essere eseguita almeno una volta al mese.

É buona norma ogni tanto anche controllare il serbatoio della brina, per verificare se ci siano perdite o altri malfunzionamenti.

La manutenzione andrebbe fatta almeno una volta ogni due anni, e se viene svolta in maniera costante il dispositivo può garantire un funzionamento perfetto per tantissimo tempo, anche 15-20 anni.

Ti consiglio di rivolgerti ad una ditta certificata e specializzata, che effettui un controllo a 360° sul tuo dispositivo. Il costo di un semplice intervento di manutenzione oscilla tra i 60 ed i 90 euro, una spesa accettabile per prolungare la vita dei tuoi elettrodomestici.

A cosa bisogna fare attenzione prima di installare un addolcitore d’acqua domestico?

Nel caso in cui decidi di acquistare un addolcitore, fai fare un sopralluogo ad un installatore e mettilo al corrente delle caratteristiche dell’abitazione e del risultato che vuoi raggiungere, in questo modo potrà farti un preventivo accurato.

E’ importante ricordare che gli addolcitori devono essere installati da tecnici qualificati, con collaudo da parte dell’installatore che deve rilasciare la certificazione di corretto montaggio. Inoltre controlla che l’addolcitore abbia la dichiarazione di conformità al decreto 443/90 del Ministero della Sanità.

Inoltre devi stare attento che la durezza dell’acqua non scenda sotto i 15 gradi francesi, altrimenti rischia di corrodere le tubature. Quando questo si verifica l’acqua diventa scura, rossastra o giallastra.

Ecco i modelli consigliati

Si possono acquistare online su amazon. Tutto quello che dovrai fare è aspettare la consegna che arriva direttamente a casa e montarli indipendentemente (se hai un minimo di manualità), altrimenti chiamare l’idraulico di fiducia e farti aiutare da lui.

Modello W2B 200

Adatto per 2 – 4 persone

Modello W2B 500

Adatto per 4 – 7 persone

Modello W2B 800

Adatto per 7 – 10 persone