erogatori-dispenser-acqua-ufficioGli erogatori d’acqua per ufficio, aziende e negozi stanno diventando una realtà sempre più diffusa nel mondo lavorativo. Se hai dei dubbi o delle domande, cercherò di fornirti tutte le indicazioni necessarie per scegliere il modello più indicato in base alle tue esigenze.

Quando si analizza un prodotto o un servizio la prima cosa da fare è valutarne i vantaggi, e gli erogatori di acqua ne hanno da offrire parecchi.

Con questo dispositivo hai sempre a disposizione acqua fredda, naturale o refrigerata, in modo da poter accontentare i gusti dei tuoi clienti.

Ne saranno felici anche i tuoi collaboratori, creando così un clima sereno e disteso che rende il lavoro più produttivo.

Quando hai sete o hai bisogno dell’acqua devi necessariamente scendere al bar, o in alternativa acquistarla presso i distributori.

Uscire ed entrare dall’ufficio in continuazione può però provocare un notevole stress psicofisico, con un conseguente calo della concentrazione e dell’attenzione sul lavoro.

Le bottigliette di acqua nei distributori sono di plastica, quindi con gli sbalzi di temperatura in estate o in inverno rischiano di perdere le loro proprietà.

Con un erogatore in ufficio eliminerai tutti questi problemi, ed avrai sempre a portata di mano la quantità e la qualità di acqua che preferisci, per rendere tutti felici e contenti.

Quali modalità di erogatori d’acqua esistono sul mercato?

Dispenser acqua ufficioDopo aver conosciuto i vantaggi degli erogatori d’acqua per ufficio, ora analizziamo le diverse tipologie presenti sul mercato.

Esistono 2 modelli di erogatori d’acqua: a boccioni oppure con allacciamento alla rete idrica. Entrambi assicurano acqua calda, fredda, naturale e frizzante ma hanno diverse tipologie di funzionamento.

Gli erogatori con boccioni necessitano appunto di grosse bottiglie contenenti acqua, si possono posizionare in qualsiasi luogo, si spostano facilmente e sono più economici rispetto all’altro modello.

Da un punto di vista pratico non sono proprio il massimo, poiché occupano spazio, richiedono un continuo rifornimento di acqua ed i boccioni sono piuttosto pesanti da spostare.

Gli erogatori da allacciare alla rete idrica naturalmente non hanno bisogno dei boccioni, in quanto filtrano l’acqua proveniente direttamente dal rubinetto.

erogatori acqua ufficioDa un punto di vista logistico ti permettono di avere maggiore spazio, poiché non hai bisogno di un luogo per lo stoccaggio dei boccioni.

Questi dispositivi però sono più costosi, devono essere installati a non più di 20 metri dal rubinetto e richiedono una manutenzione piuttosto costante.

Quale modello scegliere? Naturalmente la scelta è soggettiva e dipende dal quantitativo di acqua di cui hai bisogno.

Se hai una piccola azienda dove il consumo di acqua si attesta sui 50 litri mensili, ti consiglio di optare per gli erogatori con boccioni d’acqua.

Se il consumo invece è superiore ai 50 litri, meglio optare per i modelli con allacciamento alla rete idrica.

Manutenzione degli erogatori d’acqua per ufficio: perché è importante e in cosa consiste

Quando si tratta di manutenzione pensiamo sempre che c’è tempo per farla posticipandola. Errore! La manutenzione va fatta con costanza e con regolarità, altrimenti la rottura di un singolo componente rischia di compromettere l’intero funzionamento di un dispositivo, con un maggior esborso economico.

Gli erogatori con boccioni in realtà non hanno bisogno di una particolare manutenzione, ma è sufficiente pulirli e lavarli ogni tanto per garantirne la corretta igiene.

Gli erogatori con allacciamento alla rete idrica invece richiedono una manutenzione costante almeno ogni 6-12 mesi, e consiste nel cambio dei filtri e nella sanificazione dell’impianto per evitare l’accumulo di batteri.

Quanto costano gli erogatori d’acqua per ufficio?

Il prezzo degli erogatori d’acqua per ufficio dipende dal modello scelto. Gli erogatori con boccioni più semplici ed economici costano sui 200-300 euro, per arrivare a 1.500 euro nei modelli più complessi e sofisticati.

Anche gli erogatori con allacciamento alla rete idrica hanno un range di prezzo molto ampio, che va dai 300 euro per i modelli più basilari fino a 2.000 euro per i modelli più tecnologici ed innovativi.

Il prezzo varia anche in base al contratto sottoscritto. Il noleggio prevede il pagamento di un canone mensile, sgravandoti dai costi della manutenzione ordinaria e dell’assistenza tecnica.

Inoltre in caso di noleggio è prevista la sostituzione del dispositivo in caso di rottura per usura. In alternativa si può acquistare direttamente l’impianto, il cui contratto può comprendere la manutenzione.

Ciò determinerà un aumento del prezzo, ma coprirà tutte le spese relative alla manutenzione ed all’usura dei pezzi.

Se vuoi saperne di più confronta fino a 5 preventivi per risparmiare da esperti installatori della tua zona! Assicurati di richiedere un sopralluogo sul posto, in modo da farti consigliare. Scegli con calma e senza fretta, valutando il modello più indicato in base alle tue esigenze.